Recensioni





Iniziando a leggere Vacuum Cleaner, ho creduto di riconoscere nel protagonista un personaggio minore di Dostoevskij. Fuori Tempo. Fuori luogo. Alla fine invece ho capito che il personaggio minore di Dostoevskij ero io. Tanto mi sono riconosciuta nella complessa fragilità comica e commovente del narratore in prima persona e nel suo bisogno di una personale incarnazione di un sogno di tempi migliori in cui sia possibile e bello avere una vita da vivere. Ecco, quello che affascina in Vacuum Cleaner, come solo in alcuni libri preziosi compagni di viaggio, è appunto il disincanto di un racconto che, come in un gioco prospettico a trompe-l’oeil, si racconta come possibilità del racconto ulteriore di chi legge. Il fatto poi che il protagonista sia odioso oltre ogni limite, mette in moto un meccanismo comico e liberatorio. Decisamente scorretto. Finalmente. Ma non a caso Filippo Porcelli è uno degli autori di Blob. E del resto anche la sua scrittura è un blob. A partire dal titolo... vacuum cleaner infatti in inglese significa aspirapolvere. E certamente all’autore è piaciuta l’idea della traduzione immaginifica di un pulitore di vacuo per raccontare di un  étranger contemporaneo che si muove in un mondo da fine del mondo, sospeso in una storia d’amore e di stupro, tra assurdo e indifferenza, rabbia e  paura, cinismo e nostalgia, alla ricerca di un equilibrio impossibile, di una ragione interiore, di un talento, di una passione. Un mondo dove il reale si confonde con la propria proiezione mitologica e infine diventa paesaggio interiore tra erotismo, arroganza, volgarità, violenza ma anche poesia. Soprattutto poesia. Perché alla fine si tratta di una scrittura che lascia senza fiato. Naturalmente so che purtroppo in Italia molti leggono solo quello che hanno scritto loro. O vanno sul sicuro e rileggono i classici. O scoprono un inedito di un americano. O vanno in sollucchero per un esotico di una letteratura esotica. E insomma, chissà quanti mai leggeranno questo libro straordinario. Da parte mia - come Holden Caulfield - vorrei che l'autore fosse un mio amico per la pelle per poterlo chiamare al telefono tutte le volte che mi gira. E non succede spesso.

di Susanna Del Campo, i libri di ilmiolibro.it, 18/04/2013
http://ilmiolibro.kataweb.it/reader_dettaglio_recensione.asp?id_recensione=6057



Questo brevissimo intenso romanzo in un’ora mi convince per la sua rotondità, nel senso che assomma e riassume tutto ciò che in noi c’è di veramente umano con un linguaggio tumultuoso e sfrenato, che cattura dal primo rigo e che secondo me può rivolgersi solo ai poeti benché noi lettori solitamente non siamo che gente semplice. Porcelli in 70 pagine racconta una storia in cui tutto quel che accade accade soltanto nella testa del protagonista. E’ lui il racconto, è lui la trama che si sviluppa coinvolgendo comparse accidentali che pure hanno una vita a volte anche molto movimentata e perfino qualche gloria. Chi legge non ha occhi che per lui, l’io narrante sull’orlo di una crisi di nervi o meglio in preda ad una crisi d’identità che pare abbia anche origine da un abbandono. Roma è un immenso tendone circense in cui il protagonista passa le giornate come in un sogno,  in mezzo alle coloratissime, vanitose, volgari e generose comparse di cui sopra, ognuna con la sua esibizione da offrire; il protagonista se ne serve per farsi conoscere da noi, per suonarci il suo preludio alla crisi, al senso di vuoto. Tutto finisce bene, se così si può dire. Il nostro eroe iper-contemporaneo, ormai schiacciato anche fisicamente, viene raccolto e nuovamente accolto da Edita, colei che confeziona  vacuum cleaner per i clienti dell’azienda in cui lavora. Chi è Edita? La donna amata? Il protagonista stesso? La memoria cosmica? E’ una sorta di Blob? Edita assembla immagini, spezzoni e collages di immagini. E i vacuum cleaners sono un “repertorio di ideali, fantasmi, segni e relazioni…., una sorta di sintomo onirico. L’incarnazione di tempi migliori in cui sia possibile e bello avere una vita da vivere.” Splendida performance letteraria, ottima copertina.

di Mila Mercadante, i libri di ilmiolibro.it, 01/04/2013
http://ilmiolibro.kataweb.it/reader_dettaglio_recensione.asp?id_recensione=5988


Vacuum Cleaner può essere acquistato in tutte le librerie Feltrinelli
L'ebook di Vacuum Cleaner è su Feltrinelli, Amazon e... tutti i bookstore online!!!